Ambientalisti: una riserva marina per scongiurare nuove perforazioni.

riserva marina

Un estratto del greenreport.it del 29-08- 2011.

Secondo gli ambientalisti, «solo la creazione di una riserva marina d’alto mare è in grado di garantire una reale e duratura tutela dell’area scongiurando presenti e futuri progetti di perforazioni, e non solo. Nelle aree più delicate dovranno, infatti, essere bandite tutte le attività di scarico pericolose ed estrattive, compresa la pesca. La tutela delle risorse ittiche deve andare di pari passo a quella della diversità biologica: l’uomo preleva biodiversità e la modalità e l’intensità di questo prelievo sono tra i fattori che possono alterare diversità e produttività dei mari. Lo stato critico delle risorse ittiche (nel Canale di Sicilia, in Italia, nel Mediter­raneo, nell’Unione Europea e nel mondo) dimostra che il prelievo fin’ora realizzato non ha senso poiché produce (spesso col sostegno di danaro pubblico) distruzione e impoverimento. È fondamentale che in questo momento comunità locali e pescatori facciano sentire le loro ragioni non solo per lottare contro l’imminente minaccia delle perforazioni ma per chiedere una duratura protezione delle risorse da cui dipendono. È ora che il nostro Paese si impegni per garantire un’ef­fettiva tutela dei propri mari. Invece di svendere le pro­prie ricchezze ai magnati del petrolio, l’Italia assuma una leadership nella creazione urgente di una rete di aree protette in grado di proteggere habitat chiave del Medi­terraneo a cominciare dai banchi del Canale di Sicilia».

Articolo integrale: http://greenreport.it/_archivio2011/index.php…

Pantelleria ad oggi non ha alcuna area marina protetta, nonostante da un paio di anni ci sia un gruppo di lavoro AMP costituito da cittadini isolani, ma questa è un’altra storia.
Intanto i Verdi chiedono al presidente della Regione Puglia Michele Emiliano di istituire, in base alla legge regionale sui parchi, un’area marina protetta che comprenda le isole Tremiti e l’area in cui è stato rilasciato il permesso alle ricerche.

Condividi: