Concluso il concorso “la croce del rendentore”: Pantelleria sale sul podio| Angelo Casano

crocifissione

Di Angelo Casano

 

crocifissioneA Carrara Il 16 Aprile 2014 è stata inaugurata nella chiesa della Madonna delle Lacrime la mostra «La croce del Redentore», nata sulla base del progetto promosso dalla Diocesi di Massa Carrara – Pontremoli in collaborazione con l’Accademia di Belle Arti di Carrara.Le opere esposte, sono state realizzate dagli studenti dell’Accademia, che hanno seguito i corsi. Queste sono interpretazioni originali del tema della croce, disposte secondo uno schema logico. All’inaugurazione della mostra era presente anche il Vescovo Giovanni Santucci. Centinaia di persone hanno apprezzato le opere degli studenti , che hanno ripresentato, con un linguaggio nuovo e moderno la crocifissione di Gesù. Alcune opere della mostra dopo una selezione, sono state ammesse al Concorso “La Croce del Redentore” che pochi giorni fa è giunto a conclusione. I tre vincitori sono stati: il giovane studente pantesco Marco Valenza (Pittura), Mariotti Tiziana (Scultura), Cecchini Umberto/Estrella Alexis Leandro (Multimediale).

Marco Valenza è un giovane studente pantesco, figlio di Alessio e Caterina, proprietari del ristorante “ la Risacca” a Pantelleria. Marco già a 14 anni aveva lasciato la sua Pantelleria per poter frequentare il liceo artistico di Trapani. Una volta terminato il liceo si è trasferito a Carrara dove appena un anno fa ha conseguito la laurea in Pittura presso l’accademia delle Belle Arti.

Nonostante la giovane età, Marco ha già partecipato a diverse mostre e molte sono le opere compiute. Abbiamo scoperto che ha anche un sito personale. Chiunque volesse dare un’occhiata alle sue opere può collegarsi al sito web: marcovalenza.wix “Quest’Estate- ci confida- vorrei far un esposizione all’interno del Castello di Pantelleria”. Non ci resta che augurare un grande in bocca al lupo e ringraziarti per aver portato il nome di Pantelleria sino a Carrara.

Se questo articolo ti è piaciuto, condividilo:

PinIt

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *