Dal passato alla rinascita | Pantelleria 2025 | Germana Guida

cesare

Risale a poche ore fa l’annuncio del direttore del nostro “Museo di Storia” sull’imminente ritorno degli ultimi reperti archeologici ritrovati qui sull’isola e ospiti attualmente della città londinese. I ritrovamenti erano venuti alla luce circa un paio di anni fa ma, per la loro importanza archeologica e culturale, avevano fin da subito suscitato l’interesse di esperti internazionali che hanno rivolto l’attenzione soprattutto sulla loro datazione storica. Artefici di tale scoperta sono stati i giovani archeologi dell’Università di Archeologia con sede a Pantelleria la quale, in collaborazione con il Comune, sempre più attivo in sostegno della rivalutazione archeologica del nostro territorio, ha permesso lo sviluppo di nuove aree in cui effettuare gli scavi e, a soli cinque anni dalla sua nascita, è riuscita a inserire Pantelleria nel panorama archeologico dell’ambiente universitario nazionale. Grazie all’azione combinata di innovazione e attenzione alla formazione culturale , oggi l’isola attira non solo studenti aspiranti archeologi ma anche importanti personalità che hanno investito e investono tutt’ora sulla ricchezza storica di cui la nostra isola dispone. E’ il preside stesso dell’istituto superiore a rivelarci che proprio in questi giorni, grazie ad un aumento quasi esponenziale delle domande di iscrizione alla nostra scuola, si è decisa l’apertura di una classe sperimentale del liceo classico, a fianco dell’ormai frequentatissimo liceo scientifico, sorto circa una decina di anni fa. Inoltre, è bene sottolineare come la scommessa sull’istruzione e la cultura abbia permesso alla nostra isola di conoscere un miglioramento anche politico ed economico, poiché l’affluenza di giovani da ogni parte della Nazione e, grazie ai progetti interculturali, da ogni Stato europeo, ha portato sull’isola non solo una grande ricchezza umanitaria ma anche e soprattutto economica. Confrontando i dati odierni che, come detto, vedono la nostra isola come un crescente polo universitario ed economico, con quelli di circa una ventina di anni fa, nei quali Pantelleria appariva principalmente come “un’isola isolata”, risulterà sicuramente assurdo ai giovani di oggi come la nostra storia non sia stata sempre in crescita ma che un tempo la nostra terra sia stata soltanto una semplice meta turistica per coppie e famiglie, dove trascorrere pochi giorni in Agosto, totalmente estranea al contesto italiano e ancor più europeo.

 

Se questo articolo ti è piaciuto, condividilo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *