Il Governo dell’Honduras invita i pescatori di Pantelleria.

pescatori di pantelleria

Il Governo dell’Honduras invita i pescatori di Pantelleria ad una discussione sul futuro del mare assieme ai pescatori della comunità garifuna.

La videoconferenza pubblica si terrà al Port Hotel dalle 18, sabato 29 novembre.

Da diversi anni mi reco in Honduras per lavoro, e quest’anno ho avuto modo di conoscere da vicino la comunità dei pescatori di Chahauate, un atollo che si trova nell’arcipelago di Cayos Cochinos.

A giugno sono stato contattato dalla Segreteria di Stato per le Comunità Indigene, poiché il governo honduregno, sta creando un progetto di “turismo comunitario”: l’idea è di sviluppare una forma di turismo completamente nuova, gestita dalle popolazioni locali, attraverso l’utilizzo delle pratiche tradizionali.

Ho avuto modo in quel periodo di raccontare loro l’esperienza nata a Pantelleria e da quel momento si è instaurata una collaborazione che ha come inizio formale questo mio intervento al “ Seminario di consultazione del piano nazionale del turismo comunitario dell’Honduras”

Il titolo del mio intervento sarà “La promozione della pesca artigianale come agente di sviluppo del turismo comunitario e della protezione delle risorse marine”

Analizzerò due contesti di pescatori artigianali: quello della comunità garifuna di Chachauate , che vive dentro l’area marina protetta dell’arcipelago di Cayos Cochinos e quello di Pantelleria, dove l’Associazione della piccola pesca professionale dell’isola, assieme agli altri stakeholders del Gruppo Lavoro AMP Pantelleria, sta sviluppando un processo partecipato dal basso per una tutela del proprio mare.

Il processo partecipato per la tutela del mare di Pantelleria è uno dei primi esperimenti in Italia dove i cittadini, quindi la società civile, si prende la responsabilità di pensare alla tutela del proprio bene comune mare.

Per questo il Governo dell’Honduras ha ritenuto importante invitarmi, in qualità di sviluppatore del processo partecipato e membro del gruppo di lavoro a parlare di questa esperienza.

Rivalutare pratiche tradizionali potrebbe essere una chiave per la sostenibilità della pesca in futuro.

Uno scambio di esperienze di pescatori artigianali in luoghi così lontani tra loro, potrebbe sollevare una discussione a livello internazionale sul rapporto tra aree marine protette di nuova concezione, pesca tradizionale e turismo comunitario.

Lo scopo della videoconferenza con Pantelleria è aprire un canale di comunicazione tra pescatori di pantelleria e i pescatori garifuna di Chachauate.

Gianpaolo Rampini

Gruppo Lavoro AMP Pantelleria

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *