Noi diciamo no alle Trivelle

cronistoria

Noi diciamo NO alle trivelle; Diciamo NO alla prospettiva, purtroppo concreta, di un inarrestabile processo di ecocatastrofe; “Contrastiamo” l’insensata corsa al cosiddetto “oro nero”, con le preannunciate trivellazioni petrolifere, che mettono in serio pericolo zone di grande pregio naturalistico. Nel contempo, diciamo SI ad una strategia di sviluppo sostenibile basata sulla piena valorizzazione del patrimonio naturale e culturale della Sicilia; Diciamo SI a fattive politiche ambientali che possano rilanciare l’intero settore.
Giorno 20 marzo ore 17.00 presso la sede Doppio Binario in via Maltese n. 87 (traversa viale Strasburgo) a Palermo ne discuteremo insieme:
Introduzione ai lavori
● Dott. Bartolo Corallo Presidente GRE Sicilia
● Prof. Tommaso Romano Presidente ISSPE
● On. Giampiero Trizzino Presidente IV Commissione Territorio ed Ambiente
● On. Fabrizio Ferrandelli Segretario IV Commissione Territorio ed Ambiente
Interventi:
● GRE – Prof. Umberto Balistreri “Sicilia isola di luce, mito, cultura e natura”
● LEGAMBIENTE – Arch. Mimmo Fontana “Il futuro negato dallo sguardo rivolto al passato di una classe politica inadeguata”
● WWF – Prof. Franco Andaloro “Riflessi ecologici dell’estrazione in ambienti sensibili”
● VERDI – Prof. Carmelo Sardegna “Trivelle e dintorni. Quale futuro per il turismo Siciliano”
– Dott.ssa Beatrice Feo Filangeri Filangeri “Diritto di scegliere ai siciliani”
● DIPARTIMENTO REGIONALE AZIENDA FORESTE DEMANIALI
– Dott.ssa Valeria Restuccia “Risorsa ambiente. Il caso dello Zingaro”
● CAI – Dott.ssa Enza Messana “Il canale di Sicilia tra faglie, vulcani e trivelle”
● ITALIA NOSTRA – Dott. Umberto Marsala “Mediterraneo una risorsa da salvare”
● SICILIA ANTICA – Dott.ssa Caterina Giordano “I Banchi dello Stretto: La salvaguardia di un ecosistema”
● Circolo Legambiente Mesogeo Dott. F. Porrovecchio e Dott. G. Di Giovanni “Le praterie oceaniche., ecosistema a rischio”

Se questo articolo ti è piaciuto, condividilo:

PinIt

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *