Notizie dalle altre isole: Lampedusa e Linosa isole sostenibili

lampedusa

(Rinnovabili.it) – Lampedusa e Linosa si candidano a divenire isole sostenibili, protagoniste di uno sviluppo ecologico  a 360 gradi. A tracciarne il percorso è stato ieri un convegno dedicato alla presentazione di progetti per la gestione ambientale ed energetica delle due isole, nell’ambito delle iniziative organizzate da Emmaus ItaliaLegambiente, Libera e dell’amministrazione comunale.

Questi due piccoli territori presentano delle innegabili sfide dal punto di vista energetico, dal momento che l’isolamento geografico li svantaggia sotto il profilodegli approvvigionamenti e dei servizi. Tuttavia, proprio questo fattore è lo stesso in grado di renderli modelli ottimali per un sistema di produzione di energia diffuso basato sulle fonti rinnovabili, come affermato dal sindaco del comune di Lampedusa-Linosa, Giusi Nicolini. “Siamo convinti che la sfida della modernità debba passare per l’autosufficienza energetica e la sostenibilità. Una rivoluzione verde che porterà benefici a tutti coloro, abitanti e turisti, che vivono e amano le nostre isole”, ha commentato Nicolini.

 

Per raggiungere l’obiettivo dell’autosufficienza, durante il convegno sono stati presentati tre progetti:

Lampedusa Green Bike: nato dalla partecipazione del Comune di Lampedusa e Linosa al Bando del Ministero dell’Ambiente, mira a ridurre il flusso di veicoli a motore in direzione delle principali spiagge e punti di interesse, offrendo al turista e al cittadino residente un servizio aggiuntivo per godere a pieno della permanenza sull’isola.

 

Smart Island: presentato da Exalto, Cnr e Res Nova Die, si prefigge di ridistribuire i vantaggi di una smart grid isolana alle aziende locali e alla popolazione residente, dando vita ad una imprenditorialità diffusa sul territorio e alla formazione di tecnici di alto livello che saranno necessari per gestire la transizione del sistema energetico.

 

Raccolta differenziata dei rifiuti progetto elaborato dal Conai e Ministero dell’Ambiente che mira a raggiungere l’obiettivo del 65% di materiale differenziato sulle isole di Lampedusa e Linosa attraverso l’attuazione del modello di raccolta “porta a porta” per ogni frazione merceologica di rifiuto.

articolo tratto da rinnovabili.it

Se questo articolo ti è piaciuto, condividilo:

PinIt

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *