Pantelleria alla mostra di Venezia con “A Bigger Splash”

mostra di venezia

E’ passato già un anno da quando le strade dell’isola di Pantelleria erano affollate da troupe cinematografiche per girare il nuovo film di Luca Guadagnino A bigger Splash.
Oggi il film, interamente girato sull’isola di Pantelleria, verrà proiettato alla 72esima edizione della mostra di Venezia.

“La presentazione alla Mostra Cinematografica di Venezia dell’ultimo film di Luca Guadagnino – dichiara Salvatore Gabriele, sindaco di Pantelleria – è motivo di grande visibilità per la nostra isola. Appena 1 anno fa  buona parte dell’isola e’ stata coinvolta nelle riprese del nuovo film di Guadagnino, e attori internazionali come Dakota Johnson, Tilda Swinton, Ralph Fiennes e Matthias Schoenaerts hanno vissuto, per alcune settimane, il territorio e l’identità di Pantelleria. E’ un film che un po’ ci appartiene – conclude Salvatore Gabriele – perché l’intera comunità di Pantelleria l’ha vissuto direttamente girando anche alcune scene”

Ecco alcune dichiarazioni rilasciate alla rivista Vougue sulla nostra isola:

“Pantelleria ha un’energia così esplosiva che ti stravolge totalmente”, dice Dakota Johnson
E Tilda Swinton: “È un’isola vulcanica, per molti aspetti inospitale, inadatta alla vita umana. E tuttavia dalle viscere di quest’isola emerge come il suono profondo di una campana che riecheggia nei secoli. Quando ero lì, riuscivo a immaginare la maga Circe in mezzo alle rocce e allo scirocco. È stata un’esperienza davvero galvanizzante…”.

“Pantelleria”, dice Guadagnino, “è politicamente italiana, ma geograficamente africana. È un luogo di contrasti, di attriti, di contraddizioni. Mi piaceva l’idea di prendere persone civili e di immergerle in un luogo così brutale, così violentemente naturale. Volevo vedere le reazioni di quei corpi a contatto con quel luogo.

Trama 
Marianne Lane (Tilda Swinton) è una leggenda del rock in vacanza a Pantelleria con il compagno, un fotografo più giovane di nome Paul (Matthias Schoenaerts). La quiete vacanziera della coppia viene interrotta dall’arrivo inaspettato di Harry (Ralph Fiennes), un produttore discografico trasgressivo e lungimirante, giunto sull’isola in compagnia di Penelope (Dakota Johnson), la giovane figlia che ha appena scoperto di avere. L’irruzione dei due determina l’accelerazione della crisi di coppia tra Marianne e Paul e il riaffiorare, nella donna, della passione mai sopita per l’ex e per il mondo anticonformista e adrenalinico che rappresenta. S’innesca così un girotondo che scombina le coppie e ridistribuisce le affinità: Marianne si riavvicina al mai dimenticato Harry, Paul e Penelope si scoprono reciprocamente attratti.
È questa la sinossi dell’ultimo film del regista palermitano classe ’71 Luca Guadagnino che, dopo ‘Io sono l’amore’, ritrova Tilda Swinton in un thriller in cui il rimescolamento delle simmetrie amorose non sarà affatto indolore.

Condividi: