Pantelleria e l’incantevole ferocia del mare. Reportage Fotografico

mare

Attila, nominato dagli storici Flagello di Dio, fu un condottiero e sovrano unno dal 453 alla sua morte. La sua crudeltà spietata portò alla nascita di numerose leggende, la più famosa racconta che dopo il suo passaggio l’erba non sarebbe più cresciuta. A indicare la sorprendente ferocia della perturbazione che ha colpito la Sicilia in questa prima settimana del 2017, i meteorologi hanno proprio voluto attribuirle il nome di Attila. La cosiddetta “sciabolata artica” che ha portato sotto zero le temperature italiane e che ha fatto svegliare molte città ricoperte da un manto nevoso, ha colpito pure la nostra Isola. A Pantelleria, inoltre, a causa della presenza del vento, la temperatura percepita risulta essere ancora più fredda di quella effettiva, un fenomeno chiamato “wind chill”. Una delle qualità che comunque a noi panteschi non manca è quella di saper cogliere la bellezza da ogni situazione e, sebbene il maltempo porta disagi che ben conosciamo, la nostra isola sembra scusarsi mostrandoci la sua bellezza. Di seguito potete trovare il reportage fotografico di Samuel Gorgone ( www.samuelgorgone.com )

Samuela Guida

Se questo articolo ti è piaciuto, condividilo:

PinIt