Pantelleria ricorda tre panteschi deportati nei campi di concentramento.

deportati

Il 27 gennaio di settantuno anni fa furono aperti i cancelli del lager di AUSCHWITZ e il mondo scoprì, in tutta la sua tragicità, i crimini compiuti  dai nazisti contro il popolo ebraico.  Nel nostro paese furono  quasi  settemila i cittadini di origine ebraica arrestati e deportati e di questi solo 837 i sopravvissuti. Nei campi trovarono la morte anche Rom, Sinti, malati di mente, disabili e omosessuali.

Nel corso del consiglio comunale il presidente del Consiglio Sandro Casano ha voluto ricordare, in occasione della giornata della memoria, anche tre concittadini panteschi, nati a Pantelleria e deportati nei campi di concentramento.   “Noi, oggi- dichiara il presidente del consiglio Sandro Casano– vogliamo dare anche da qui  il nostro piccolo contributo con questa  nota, ricordando anche il contributo dato da alcuni nostri concittadini di cui molti non conoscono l’esistenza. Infatti tra i deportati nei campi di sterminio nazisti vi furono anche tre cittadini di Pantelleria  che voglio ricordare brevemente riportando  queste brevi note biografiche. ”


SPANO’ DONATO
di Francesco e di Valenza Angela nato a Pantelleria il5/1/1925 nella casa sita in via Dante.  Studente in medicina. Arrestato a Padova il 23/12/1944. Deportato da Padova il 23/2/1945 nel lager di Bolzano. Questo campo si occupava di organizzare i convogli di italiani verso i campi di sterminio di Auschwitz, Mauthausen e Dachau. Matricola 9372 Blocco D. Liberato a Bolzano il 30/4/1945 dall’esercito statunitense. Morto a Padova il 2/1/2012.

Continua a leggere

Condividi: