Trivelle: E’ L’ora di una area marina protetta.

riserva marina

Sulla vicenda “rischio trivellazione”, dopo la denuncia di Maria Rita D’Orsogna,  è intervenuto anche Guido Picchetti, profondo conoscitore dei fondali marini dell’isola di Pantelleria: “L’alternativa per il Banco di Pantelleria situato a nord dell’isola oggi è questa: Diventare la zona A (di 7 x 4 Km) della istituenda Area Marina Protetta di Pantelleria, contornata a sua volta da una fascia di zona B larga 500 metri (il che porta ad una superficie totale di protezione sul Banco, tra zona A e zona B, di ben 40 kmq); due zone, la A e la B, entrambe da inserire poi nella zona C della AMP che abbraccerebbe tutta l’isola di Pantelleria, oppure cedere all’Audax i diritti per ricercare idrocarburi in tutta l’area a nord dell’isola secondo il piano illustrato nell’Istanza di Permesso di Ricerca per Idrocarburi “d 364 C.R-.AX” presentato al Ministero dello Sviluppo Economico da “AUDAX ENERGY srl”. Cosa deciderà in proposito l’attuale Ministro dell’Ambiente?AI POSTERI L’ARDUA SENTENZA, diceva qualcuno,,, E noi staremo a vedere.”.

DI LA TUA: SCRIVICI su agorapnl@gmail.com

RESTIAMO IN CONTATTO

Angelo Casano

Se questo articolo ti è piaciuto, condividilo:

PinIt