Un presidio dei sindaci siciliani contro le trivellazioni

sindaci

Per chiedere con forza al presidente della Regione di contrastare l’articolo 38 del decreto Sblocca Italia impugnandolo davanti alla Corte Costituzionale, ieri pomeriggio si è riunito dinanzi all’Ars un presidio di tutti i sindaci siciliani,con le fasce tricolore annesse. Presente anche’ Leoluca Orlando, presidente AnciSicilia, che dichiara: “Le aree del Mediterraneo in cui si intende posizionare le trivelle ad impatto distruttivo sono estremamente fragili, e, inoltre, presentano anche dei sistemi vulcanici sommersi tutt’ora attivi. Così facendo, dunque, si rischia di alimentare, in maniera consistente, la sismicità e di mettere a rischio aree di pregio naturalistico e paesaggistico e fiorenti attività economiche legate al turismo e alla pesca. Insomma, sarebbe uno scempio in tutti i settori che riguardano lo sviluppo economico e sostenibile. Tutti insieme, quindi, dobbiamo dire no alla vendita della nostra terra ai petrolieri”.

I giovani della associazione culturale Agorà da tempo manifestano il loro dissenso contro le trivellazioni.
Nelle settimane scorse hanno creato anche un video di sensibilizzazione
NO ALLE TRIVELLAZIONI NEL MAR MEDITERRANEO 

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *